prodotti Tipici Di Capri

Limoncello di Capri

limo-bott-tutte_d_63_0_702_20150422171822

è una Ricetta tradizionale tratta dai migliori limoni dell’isola

è Una delizia per il palato… soprattutto se gelato

Il Limoncello di Capri ha una lunga storia. Già agli inizi del secolo, Vincenza Canale, una delle prime albergatrici capresi, offriva il Limoncello ai propri ospiti come digestivo. Nella famosa pensione “Mariantonia”, che oggi è stata riaperta dai suoi pronipoti, noti personaggi ed assidui frequentatori dell’isola di Capri si ritrovano al calar del sole per gustare il delizioso liquore. Personaggi illustri della vita isolana amavano il Limoncello di Capri di Vincenza Canale. Tra questi: Ignazio ed Arturo Cerio, J. Fersen, Axel Munthe, F. A. Krupp, Amedeo Maiuri e altri ancora.

Il Limoncello di Capri viene ancora oggi prodotto dalla famiglia Canale, secondo l’antica ricetta e seguendo l’originaria formula senza ricorrere ad alcuna sofisticazione. E’ nel rispetto della tradizione caprese che oggi continua ad essere presente sulle tavole il Limoncello di Capri.

Il Limoncello di Capri, liquore naturale con ottime proprietà digestive, viene prodotto naturalmente attraverso la macerazione delle bucce di limoni coltivati e raccolti esclusivamente sull’isola. I limoni non vengono trattati con concimi chimici o altri prodotti. Una composizione semplice e naturale, senza l’aggiunta di coloranti, stabilizzanti, additivi o conservanti. Il tutto all’insegna dell’originalità e genuinità del prodotto, proprio come una volta.

Un bicchierino di Limoncello ghiacciato, è un ineguagliabile digestivo. Allungato con acqua tonica diventa un piacevole dissetante. Ottimo nello champagne o nel prosecco per preparare dei long-drinks. Il Limoncello è gradevolissimo su gelati, fragole e macedonie di frutta. Per gustare al meglio il Limoncello si consiglia mettere la bottiglia nel freezer.

 

 L’Oro di Capri – Anacapri

olio-e-v-di-oliva-oro-di-capri-768x1024

L’Oro di Capri

è Un’associazione per la tutela dell’olivo a Capri, recuperando degli antichi oliveti con l’utilizzo delle tecniche naturali.

L’associazione Oro di Capri ad oggi conta 50 membri e 50.000 piante.

Con l’avvento dell’economia turistica questa tradizione si è andata perdendo, ma gli antichi uliveti resistono ancora nelle zone di Mesola, Orrico, e sulle pendici di Palazzo a Mare e Tiberio: quelli più selvaggi dell’isola. Oggi l’associazione “Oro di Capri” si occupa della tutela e del recupero dell’ulivo a Capri promuovendo la coltivazione naturale dell’olivo.

Nei secoli scorsi l‘olio coltivato e prodotto a Capri era considerato una delle ricchezze più preziose nell’isola. Nei lunghi inverni burrascosi, quando Capri rimaneva isolata e senza approvvigionamenti dalla terraferma, l’olio rappresentava una base nutriente per l’alimentazione, fonte di energia per l’illuminazione e una merce di scambio.

 

Birra Di Capri

birrificio-artigianale-brunetti-birra-capri_02

La Famiglia Brunetti affonda le proprie radici sull’isola di Capri agli inizi del ‘900, così da quattro generazioni oggi i fratelli Mirko, Paolo e Fabrizio impegnandosi nella salvaguardia e rivalutazione del territorio isolano, hanno dato vita ad una filiera di prodotti di qualità.

Il loro obiettivo è quello di raccontare tutte le produzioni migliori che questa terra può esprimere, con particolare attenzione alla qualità e alla genuinità, senza dimenticare la loro tipicità.

Nel 2006 quasi per gioco nasce la Birra di Capri, una birra artigianale non pastorizzata e non filtrata. l’idea gli viene  durante una delle serate degustative, le quali sono soliti ancora oggi organizzare presso il bar di Famiglia “Bar Grotta Azzurra” ad Anacapri.

Sfruttando le competenze tecniche di Mirko, quale esperto agrario e sommelier, coadiuvato da quelle di sales e marketing di Fabrizio e design di Paolo, decisero prima di iniziare una produzione nei locali della  loro Azienda,

per poi data la crescente domanda, organizzanarci con attrezzature professionali, dando vita così, ad un prodotto unico: La Birra di Capri!

 

 

AZIENDA AGRICOLA SCALA FENICIA

vino

Capri Bianco DOC

L’Azienda Agricola Scala Fenicia nasce dall’idea di recupero e rinnovamento della tradizione vinicola dell’isola di Capri. Da più di 50 anni le uve vengono coltivate in simbiosi con l’ambiente naturale. A questa armonia hanno affiancato le moderne tecniche di vinificazione per valorizzare un vino che sia specchio della storia e del territorio di questa magnifica isola.

IL TERRENO

Una delle ultime vigne DOC di Capri

La  piccola vigna si estende per circa 4.000 metri quadrati e si trova a un’altezza media di 80 metri dal livello del mare ed è suddivisa in 4 pezze.

LA CANTINA

Una piccola parte di storia romana

La nostra cantina nasce all’interno di un’antica cisterna romana, parte di un sistema idrico del tutto simile e presumibilmente coevo a quello di Villa Jovis, la residenza caprese dell’imperatore Tiberio.

LA VENDEMMIA

Un processo interamente fatto a mano

La raccolta è totalmente manuale. Forbici alla mano ci si arrampica sui pergolati e senza fretta si riempiono le cassette che poi vengono trasportate a spalla in cantina. proprio come un tempo

L’ESPERIENZA

La conoscenza decennale di chi vive l’isola da un’intera vita

Da generazioni la  terra viene coltivata con rispetto e gratitudine. La lavorazione del terreno avviene da sempre in modo diretto, senza l’ausilio di macchine, seguendo i dettami della tradizione caprese.

 

 

 

 

Precedente Diego Armando Maradona per la prima volta al Teatro San Carlo Successivo la nuova frontiera dei voli Prezzi bassi e servizi minimi